News

11. April 2019

Die Auswirkung der Krankheit auf die Angehörigen (auf Italienisch)

Giornata informativa a Brissago del 30 marzo


Il paesino sulle sponde del lago Maggiore ha fatto da cornice il 30 marzo, all’incontro tenuto da esperti neurologi della Clinica Hildebrand Centro di riabilitazione Brissago (CRB), e del Neurocentro della Svizzera Italiana (NSI). L’affluenza di oltre 60 persone ha evidenziato il forte interesse.

Il Dr. med. Salvatore Galati, capo clinica del NSI, ha esordito evidenziando gli approcci farmacologici e non farmacologici, nel pieno rispetto della storia e dell’individualità del paziente, nel trattamento delle fluttuazioni motorie più o meno gravi.

Il Dr. med. Vittorio Biglio, capo clinica del CRB, dopo aver ben spiegato cosa sono le fluttuazioni cognitive e le conseguenze che ne possono derivare sia per il parkinsoniano che per la famiglia, per il Caregiver, ha puntualizzato che sono proprio le situazioni date dai sintomi non motori, dagli aspetti cognitivi, che schiacciano e pesano maggiormente sulla persona.

Un disagio che se non affrontato adeguatamente, può portare, dice il Dr. Biglio, «a uno sconvolgimento della struttura familiare ove il malato o il Caregiver può assumere inconsciamente comportamenti marcatamente disfunzionali». A fronte di simili situazioni, un atteggiamento di accoglienza, tranquillizzante e paziente, che raggiunga la persona con umiltà, e affondi le proprie radici in un approccio terapeutico multidisciplinare, risulta senz’altro vincente.  (Testo: Kate Ercegovich; foto: Kurt Heuberger)