La nonna ha il Parkinson?

Quando mia nonna sta seduta o cammina la sua testa vacilla. Certe volte sembra di vedere una di quelle "bambole traballanti". Le altre parti del corpo però non tremano. È Parkinson?

Probabilmente si tratta di un tremore della testa. Il tremore si manifesta in tutta una serie di patologie. Nel Parkinson è soprattutto tipico un tremore a riposo delle mani, spesso presente da un solo lato. Più raramente possono essere interessate altre parti del corpo, come ad esempio la testa. Nella maggior parte dei casi, il tremore parkinsoniano compare però in combinazione con uno degli altri cosiddetti sintomi cardinali, come l’acinesia (rallentamento dei movimenti) e la rigidità (accresciuta tensione muscolare). Un tremore della testa isolato è piuttosto sintomo di un’altra malattia, il tremore essenziale. Quest’ultimo è ereditario nel 60% circa dei pazienti – e quindi è riscontrabile anche in altri membri della famiglia – però può anche insorgere spontaneamente. Per classificare i sintomi della sua nonna e formulare una diagnosi medica corretta occorrono un colloquio approfondito e una visita neurologica accurata.  Dr. med. Helene Lisitchkina

Verso l’alto

Trema quando cerca di compiere movimenti fini

Mio padre ha 79 anni. Trema quando cerca di compiere movimenti fini, ma non a riposo. Si tratta forse di un tipico tremore parkinsoniano? Significa che mio padre ha il Parkinson?

Il tremore tipico del Parkinson, anche e soprattutto all’esordio della malattia, è un tremore a riposo: in altre parole, esso si manifesta quando la muscolatura è rilassata, ad esempio mentre si sta seduti sul divano a guardare la TV. Il tremore parkinsoniano comincia solitamente nelle mani ed è asimmetrico, cioè colpisce una mano sola (almeno negli stadi iniziali della malattia). È sempre sorprendente osservare come il tremore tipico del Parkinson sparisce – anche quando è molto pronunciato – non appena il paziente compie un movimento, ad esempio quando afferra un bicchiere e se lo porta alla bocca senza esitazioni e senza versare nemmeno una goccia. I pazienti riferiscono altresì che questo tremore non li ostacola neppure quando eseguono lavori manuali complicati. Questo perlomeno all’inizio della malattia. Del resto, il tremore non è il sintomo principale della malattia di Parkinson, e non è per nulla riscontrabile in tutti i pazienti.
Alla luce di queste considerazioni, è quindi improbabile che suo padre abbia il Parkinson. Per escludere definitivamente questa diagnosi, ma anche per chiarire la causa del tremore, è tuttavia indispensabile sottoporre suo padre a un’accurata visita neurologica presso uno specialista.  Prof. Dr. med. Mathias Sturzenegger

Verso l’alto

Tipico tremore del Parkinson - si o no?

Mio padre ha ora 81 anni. Egli trema quando vuol fare qualche lavoro di precisione. Si tratta di un tipico tremore del Parkinson?

Nel tremore del Parkinson si tratta di un classico tremore in stato di riposo, ciòé quando il corpo è completamente rilassato, per esempio mentre si guarda la TV, o quando le braccia pendono mentre si è in piedi o si cammina. Sovente si presenta come se qualcuno contasse dei soldi. L’agitazione interna o lo stress acuiscono questo tremore a riposo. Quando si fanno dei movimenti volontari, il tremore generalmente si arresta, specialmente all’inizio della malattia. Talvolta, nella fase finale dei movimenti mirati, può manifestarsi un cosiddetto tremore di  «arrivo». Nelle malattie del cerubcletto,  per contro, si trova un tremore intenzionale, il quale si inserisce nello svolgimento consapevole dei movimenti e aumenta  quando l’obiettivo è quasi raggiunto. Da questi tipi di tremore si distinguono ancora il tremore di azione e il tremore posturale durante il movimento. Questa separazione è importante soprattutto per quanto riguarda la terapia, perché queste forme diverse di tremore possono venir trattate in modo differenziato. Proprio il tremore posturale si può per lo più curare con buon successo con un betabloccante (effetto calmante sul sistema neurovegetativo). Poiché queste forme di tremore compaiono talvolta contemporaneamente, o anzi in forme miste, una precisa attribuzione risulta difficile, come nel caso di suo padre. Un esame clinico da parte di un neurologo può essere d’aiuto.  Dr. med. Claude Vaney

Verso l’alto

Tremo molto senza Akineton

Recentemente il mio medico mi ha tolto il farmaco «Akineton»: da allora il mio stato è peggiorato, tremo molto di più e soffro di un forte ristagno di saliva nella bocca. Devo rassegnarmi a convivere con questi disagi?

In effetti, l’Akineton ha un buon effetto sul tremore e sul ristagno di saliva caratteristici del Parkinson. In realtà, questi due sintomi sono l’unico motivo che oggi giustifica ancora l’impiego di questo farmaco nel trattamento della malattia di Parkinson. Questo perché soprattutto nei pazienti anziani l’Akineton ha numerosi effetti secondari sgradevoli e persino pericolosi, fra cui ad esempio confusione, allucinazioni, stanchezza, vertigini, cadute, ritenzione urinaria, disturbi gastrici, costipazione, disturbi visivi, secchezza delle fauci e altri ancora. Bisognerebbe conoscere i motivi che hanno indotto il suo medico a sospendere la somministrazione del farmaco. Eventualmente già dosi (più) piccole di Akineton potrebbero bastare per alleviare i suoi disturbi. Tuttavia esistono anche altri rimedi per diminuire il tremore o frenare il flusso di saliva. Ne parli con il suo medico.  Prof. Dr. med. Mathias Sturzenegger

Verso l’alto

Un tremore forte

Ho il Parkinson già da molti anni. In questi ultimi tempi un forte tremore mi causa sempre più difficoltà. Prendo Levodopa e un agonista (Sifrol). Si può attenuare il tremore cambiando medicamenti?

Dapprima bisogna far accertare da uno specialista se il tremore è causato dal Parkinson o no. Ci sono molti altri motivi per il tremore. Se questo compare soltanto ora dopo diversi anni di malattia, si devono cercare altre cause. Potrebbe trattarsi di complicazioni tardive delle cure. Il tremore del Parkinson colpisce tipicamente le mani e si osserva soprattutto da una parte o solo da una parte. I preparati a base di levodopa agiscono al meglio contro il tremore del Parkinson, anche se spesso purtroppo in modo insufficiente. Solo in pazienti giovani si può provare col medicamento Akineton. Se il tremore è forte, invalidante e chiaramente marcato da una parte, si potrebbe anche pensare ad un intervento chirurgico sul cervello. Si tratta della terapia più efficace.  Prof. Dr. med. Mathias Sturzenegger 

Verso l’alto

Weitere Informationen

Domande sul Parkinson?